Carrello

Amministrazione, Ordini e Spedizioni: +39 0187 955108

Assistenza tecnica, Informazione Prodotti:
+39 333 4819266





Pianificazione ed esecuzione di grandi Tavoli in Resina – principali problematiche , linee guida e consigli pratici.

Pianificazione ed esecuzione di grandi Tavoli in Resina – principali problematiche , linee guida e consigli pratici.

Ovvero come replicare la perfezione delle piccole creazioni quando le dimensioni aumentano di 10 volte!

Ogni volta che ci si cimenta nelle creazioni artistiche con resina epossidica e legno, sempre più spesso ci si trova a dover replicare in “grande” alcune tecniche lavorative. Come costruire un tavolo grande con legno e resina epossidica? Qui sotto potete trovare principali problematiche , linee guida e consigli pratici.

Finche + necessario creare piccoli oggetti e superficie limitate, nessun problema, ma non appena è necessario creare una struttura veramente grande ecco che i buoni risultati del piccolo campione “di prova” spariscono. In questo articolo identificheremo le principali strategie per ottenere creazioni perfette anche in grande stile. Chi volesse fare un ripasso delle informazioni di BASE su come lavorare legno e resina, qui di seguito ecco i link a nostri precedenti articoli: “Come costruire un tavolo di legno e resina” – “Come si usa la resina epossidica?”.  Chi sa già come si usa la resina epossidica e vuole sapere come costruire un grande tavolo grande in legno e resina,  può trovare consigli pratici qui. 

Ecco le 4 principali problematiche  :

  • L’aumento delle dimensioni NON permette di dedicare la solita attenzione e cura a tutte le parti.
  • L’aumento delle masse colate di resina, comporta un’accelerazione della catalisi e sviluppo di alte temperature. Questo può portare allo stress termico della resina che potrebbe creparsi o deformarsi.
  • All’aumento della temperatura di catalisi, corrisponde un aumento dell’evaporazione dell’acqua all’interno del legno e quindi un incremento delle micro-bolle che restano intrappolate nella resina.
  • La creazione di casseforme adeguate, richiede un’attenta pianificazione.

 

Partiamo dall’ultimo punto (casseforme e movimentazione) :

Per tavoli di grandi dimensioni è necessario utilizzare una cassaforma. La soluzione ottimale è il plexiglass, che però risulta molto costoso. In questo caso basterebbe compare un foglio di plexiglas da 5 mm (come base) Poi acquistare 4 bordi in plexiglass (spessore100) che usare come barriere sui 4 lati. Infine, sigillare tutte le fughe con la pasta siliconica I-GUM di modo che non vi siano perdite. Il problema è che una cassa in plexiglas costa centinaia di euro e se fatta su misura, potrete utilizzarla per creare una dimensione be precisa.

Cassaforma in truciolato

Se volete costruire un tavolo grande  e legno e resina, la soluzione più economica e soprattutto modulabile è utilizzare una semplice cassaforma in truciolato protetta solo nei punti a contatto con la resina con un fine strato di silicone liquido “liquid mold” di modo da avere una superficie anti-aderente per la resina (che altrimenti si attaccherebbe sul legno)

Infine sigillare tutte le fughe con pasta siliconica (I-GUM – Gomma in pasta).

In questo modo create una cassaforma economica (truciolato + silicone) che potrete poi tagliare e “modificare” a seconda delle dimensioni del tavolo.

Una volta solidificata la resina potrete semplicemente smontare la cassaforma e estrarre il tavolo.

 

Per il punto 1 (impossibilità a curare tutti i dettagli contemporaneamente)

l’unica soluzione possibile è predisporre tutta la procedura in maniera organica di modo da, al momento della colata, doversi concentrare solo sull’estetiche del manufatto.

Qui di seguito i contrattempi più comuni che accadono subito dopo aver colato (e che ci fanno perdere tempo e concentrazione):

  1. La cassaforma non è sigillata e perde resina, che cola a terra. Per evitare il problema basta PRIMA di mettere il legno nella cassaforma, fare una colata di prova di pochi mm di spessore, sui bordi e sulle giunzioni (punti critici). In questo modo capiremo subito se la cassaforma perde e avremo tempo di eliminare eventuali perdite con la pasta in silicone.

2. Una vola colato ci accorgiamo che ci sono impurità nella colata. Onde evitare di dovre dare la “caccia” a schegge, capelli o briciole, prima di colare, la cassaforma ed il legno e tutti gli strumenti vanno puliti con un panno elettrostatico (tipo swiffer)

3. Particelle di polvere o insetti si vanno a posare sulla superficie. In questo caso è bene pulire la zona di lavoro con un aspirapolvere e prevedere un telo di pellicola trasparente per proteggere la superficie (come quella che si usa per proteggere i mobili quando si ridipingono le pareti)

In questo modo potremo concentrarci solo su quello che è importante, cioè la resa estetica della colata!

Difficoltà di gestione di grandi spessori (surriscaldamento, colate multiple, bolle d’aria)

Come sappiamo dai precedenti articoli, surriscaldamento della resina, accelerazione della catalisi e conseguente inglobamento di micro-bolle, sono purtroppo fenomeni chimici che derivano dal cosiddetto effetto massa.  Come fare un tavolo grande in legno e resina epossidica evitando  questo “effetto massa”?

Cioè maggiore è la quantità di resina colata (quindi il suo spessore) e maggiore è la temperatura sviluppata. Per esempio, usando le classiche resine in commercio, una colata UNICA di 4 cm di spessore comporterebbe il surriscaldamento della resina oltre i 100°C , che deformerebbero la cassaforma e farebbe “bollire” la resina stessa. In pratica… un tavolo da buttare!!!

La soluzione (finora) è stata quella fare colate da max 2 cm di spessore, a distanza di qualche ora l’una dall’altra. Lo svantaggio (oltre ai tempi di lavorazione allungata) è che per ogni colata dobbiamo assicurarci che non ci siano impurità o bolle.

Il tavolo che vedete 320cmx180cm (by Bottega Maestra) è stato colato invece in UNA COLATA UNICA DI 6 CM con la nuova resina EPOXYTABLE, una formula innovativa, ad alta resistenza UV e resistenza meccanica.

La nuova resina EPOXYTABLE, l’unica resina SPECIFICA per Tavoli in Legno e Resina, sarà disponibile per l’acquisto a breve:  una resina resistenza all’ingiallimento, ai graffi e che non inglobasse le bolle d’aria per colate fino a 10 cm! CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’! 

______________________________________
COPYRIGHT © ResinPro srl

È vietata la riproduzione (totale o parziale) dell’opera con qualsiasi mezzo effettuata e la sua messa a disposizione di terzi, sia in forma gratuita sia a pagamento.

RESINA EPOSSIDICA - F.A.Q.

Nel nostro shop online mettiamo a disposizione una gamma selezionata di prodotti in resina epossidica di ottima qualità, ideali per ogni tipo di progetto artistico, come la creazione di tavoli raffinati, gioielli esclusivi e magnifici quadri in resina.

Per guidarti attraverso il mondo intrigante e complesso della resina epossidica, abbiamo creato una sezione di F.A.Q. dettagliata, sviluppata per chiarire qualsiasi dubbio tu possa avere.

La resina epossidica è un composto polimerico noto per la sua resistenza e versatilità. Grazie alla sua capacità di indurirsi a temperature ambiente, diventa una scelta ideale per numerosi progetti, spaziando dall’artigianato alla costruzione industriale.  
La resina epossidica può essere utilizzata per creare una vasta gamma di oggetti, come ad esempio gioielli, vasi, oggetti d’arredo, quadri, portachiavi e molto altro ancora. Grazie alla sua trasparenza, la resina epossidica è particolarmente indicata per la creazione di oggetti luminosi e tridimensionali.
La resina si può applicare su qualsiasi materiale. Nei materiali come il silicone, possiamo effettuare la colata senza nessuna ulteriore procedura, in quanto il silicone è uno dei pochi materiali (assieme al Plexiglass e composti di polietilene) che non si attacca alla resina.  
In condizioni ideali, la resina epossidica inizia a indurire in circa 24 ore, ma il processo completo di asciugatura può richiedere da 24 a 72 ore. Questo tempo può variare a seconda del volume della resina e della superficie di applicazione
La resina epossidica è impiegata in una varietà di ambienti e settori, grazie alla sua forte adesione e resistenza alle condizioni ambientali estreme. Ecco alcune delle sue principali applicazioni:
I coloranti in pasta sono una scelta popolare per colorare la resina epossidica. Sono disponibili in una vasta gamma di tonalità, offrendo un’elevata concentrazione di pigmento. Questa opzione consente di ottenere colori intensi e vibranti.
La resina epossidica è rinomata per la sua eccezionale durezza e resistenza, ciò la rende ideale per una moltitudine di applicazioni, dall’artigianato all’industria. Ad esempio i pavimenti in resina epossidica offrono un’elevata resistenza all’usura, alla corrosione, all’abrasione senza subire alcun tipo di danno.  
La scelta della migliore resina epossidica dipende dal tuo progetto specifico, dalle proprietà richieste e dalla tua esperienza nel lavorare con questi materiali. Considera tutti questi fattori per selezionare il prodotto che meglio soddisfa le tue esigenze.    
Accelerare il processo di indurimento della resina epossidica può essere cruciale per progetti con tempistiche strette. Esistono diverse tecniche per raggiungere risultati efficaci in minor tempo.  
La resina epossidica è un materiale polimerico che offre eccezionali benefici in termini di resistenza, durabilità e estetica, rendendola ideale per una vasta gamma di applicazioni.  
La resina epossidica è nota per la sua eccezionale resistenza e durabilità, rendendola ideale per molteplici applicazioni in diversi settori.  

Dai un'occhiata alle nostre MASTERCLASS e diventa un esperto