Carrello

Amministrazione, Ordini e Spedizioni: +39 0187 955108

Assistenza tecnica, Informazione Prodotti:
+39 333 4819266





COME FARE UNA COLATA DI RESINA

COME FARE UNA COLATA DI RESINA

In questo articolo cercheremo di identificare le principali problematiche e le principali soluzioni che
possono presentarsi durante una colata in resina epossidica trasparente e risponderemo alla domanda: “Come fare una colata di resina?”

Cos’è una colata di resina in resina epossidica e come fare una colata di resina.

Come facilmente intuibile è un applicazione che non prevede l’uso di spatole o pennelli, ma
attraverso la semplice gravità, riempire (colando) una certa forma con la resina epossidica.
Si possono riempire casseforme, pavimenti o stampi in silicone. Per fare un esempio, come
quando riempi un bicchiere versando l’acqua dalla bottiglia.

Dopo questa semplice premessa identifichiamo i 3 principali problemi:

1) Presenza di bolle d’aria;
2) Surriscaldamento della resina;
3) Perdita di resina dal contenitore (nel caso di casseforme).

Come eliminare le bolle d’aria.

Le bolle si formano durante la miscelazione o possono essere rilasciate dall’oggetto che viene
inglobato (come ad esempio il legno). In caso sia l’oggetto a rilasciarle è facilmente
prevenibile, spennellando l’oggetto con 1 o 2 mani generose di resina epossidica. In questo
modo l’oggetto sarà sigillato e non rilascerà bolle durante l’inglobamento.

Per eliminare le bolle d’aria dalla colata di resina ci sono diversi metodi con diversi livelli di
efficacia.
Per le bolle di superficie è possibile usare una pistola termica o phon industriale.

Spariranno
in un istante: purtroppo la tecnica funziona solo se le bolle non sono “profonde” più di 2-3 mm dalla
superficie…
In caso di colate di 1-2 cm di spessore si rischia che le MICRO bolle non salgano mai in
superficie (dove potremmo farle scoppiare con la pistola termica) e quindi possano restare
inglobate. In questo caso la procedura è più complessa.

a) Dopo aver mescolato A+B, versiamo il contenuto in una bacinella larga (più larga è,
meglio è),di modo che la resina raggiunga al massimo uno spessore di 0,3 cm, poi
passare un paio di volte in superficie la pistola termica. Ripetere l’operazione più volte
finché non si è passata dalla bacinella tutta la quantità mescolata all’inizio. Il “trucco” è
avere un spessore limitato dove la pistola termica possa “arrivare” col suo getto di
calore.
b) Per chi può permetterselo, tramite una pompa a vuoto, degassare la resina dentro una
campana di vetro. Questo metodo è perfetto, ma come detto, non tutti sono equipaggiati
con questo impianto.

SURRISCALDAMENTO

Sappiamo che la resina epossidica, mentre catalizza, rilascia calore. Questo significa che
maggiore è la quantità colata (spessore) e maggiore sarà la temperatura che rilascerà. Per
questo motivo è sempre bene colare non oltre i 2 cm per volta, altrimenti rischieremmo che la
resina inizi a “surriscaldarsi”, riempiendosi di bolle e danneggiando anche la cassaforma ed il
materiale colato. Per questo motivo la maggior parte delle resine in commercio non permette
colate di oltre 2 cm.

Se si dispone della classica resina epossidica trasparente è quindi buona cosa dividere le grandi i colate di resina epossidica (es. 6 cm di spessore)
in 3 distinte colate da 2 cm di spessore (intervallate a distanza di 6-8 ore)
Fortunatamente per le colate di grande spessore in resina epossidica trasparente è stata
sviluppata dalla RESINPRO, la resina epossidica trasparente EPOXY TABLE che permette di
colare fino a 10 cm di spessore in una sola volta, garantendo la massima trasparenza,
resistenza ai graffi ed all’ingiallimento.

In questo caso fare la colata è facilissimo. Basta semplicemente versarla e grazie al lungo
tempo di catalisi tutte le micro bolle verranno in superficie! Facile, no?

Quindi, ecco la risposta alla ns domanda “Come fare una colata di resina?” : con la nuova resina “EPOXYTABLE“!

 

Perdita di resina dal contenitore (nel caso di casseforme).

Questo è il problema più “pericoloso” in quantorischiamo di trovarci sul pavimento una bella quantità di resina. In linea di principio ogni cassaforma dovrebbe essere “testata” colando una piccola quantità di resina sui bordi ed angoli (che sono quelli più soggetti a perdite). Di modo da verificare immediatamente se si siano perdica ed in caso negativo, sigillare e
rinforzare le parti più delicate. Per saperne di più leggi in nostro articolo sulla costruzione di casseforme per colate di grande spessore in Resina Epossidica (https://www.resinpro.it/grandi-tavoli-in-resina/)

ECCO DOVE COMPRARE LA NUOVA RESINA EPOXYTABLE! CLICCA QUI

______________________________________
COPYRIGHT © ResinPro srl
È vietata la riproduzione (totale o parziale) dell’opera con qualsiasi mezzo effettuata e la sua messa a disposizione di terzi, sia in forma gratuita sia a pagamento.

RESINA EPOSSIDICA - F.A.Q.

Nel nostro shop online mettiamo a disposizione una gamma selezionata di prodotti in resina epossidica di ottima qualità, ideali per ogni tipo di progetto artistico, come la creazione di tavoli raffinati, gioielli esclusivi e magnifici quadri in resina.

Per guidarti attraverso il mondo intrigante e complesso della resina epossidica, abbiamo creato una sezione di F.A.Q. dettagliata, sviluppata per chiarire qualsiasi dubbio tu possa avere.

La resina epossidica è un composto polimerico noto per la sua resistenza e versatilità. Grazie alla sua capacità di indurirsi a temperature ambiente, diventa una scelta ideale per numerosi progetti, spaziando dall’artigianato alla costruzione industriale.  
La resina epossidica può essere utilizzata per creare una vasta gamma di oggetti, come ad esempio gioielli, vasi, oggetti d’arredo, quadri, portachiavi e molto altro ancora. Grazie alla sua trasparenza, la resina epossidica è particolarmente indicata per la creazione di oggetti luminosi e tridimensionali.
La resina si può applicare su qualsiasi materiale. Nei materiali come il silicone, possiamo effettuare la colata senza nessuna ulteriore procedura, in quanto il silicone è uno dei pochi materiali (assieme al Plexiglass e composti di polietilene) che non si attacca alla resina.  
In condizioni ideali, la resina epossidica inizia a indurire in circa 24 ore, ma il processo completo di asciugatura può richiedere da 24 a 72 ore. Questo tempo può variare a seconda del volume della resina e della superficie di applicazione
La resina epossidica è impiegata in una varietà di ambienti e settori, grazie alla sua forte adesione e resistenza alle condizioni ambientali estreme. Ecco alcune delle sue principali applicazioni:
I coloranti in pasta sono una scelta popolare per colorare la resina epossidica. Sono disponibili in una vasta gamma di tonalità, offrendo un’elevata concentrazione di pigmento. Questa opzione consente di ottenere colori intensi e vibranti.
La resina epossidica è rinomata per la sua eccezionale durezza e resistenza, ciò la rende ideale per una moltitudine di applicazioni, dall’artigianato all’industria. Ad esempio i pavimenti in resina epossidica offrono un’elevata resistenza all’usura, alla corrosione, all’abrasione senza subire alcun tipo di danno.  
La scelta della migliore resina epossidica dipende dal tuo progetto specifico, dalle proprietà richieste e dalla tua esperienza nel lavorare con questi materiali. Considera tutti questi fattori per selezionare il prodotto che meglio soddisfa le tue esigenze.    
Accelerare il processo di indurimento della resina epossidica può essere cruciale per progetti con tempistiche strette. Esistono diverse tecniche per raggiungere risultati efficaci in minor tempo.  
La resina epossidica è un materiale polimerico che offre eccezionali benefici in termini di resistenza, durabilità e estetica, rendendola ideale per una vasta gamma di applicazioni.  
La resina epossidica è nota per la sua eccezionale resistenza e durabilità, rendendola ideale per molteplici applicazioni in diversi settori.  

Dai un'occhiata alle nostre MASTERCLASS e diventa un esperto