Carrello

Amministrazione, Ordini e Spedizioni: +39 0187 955108

Assistenza tecnica, Informazione Prodotti:
+39 333 4819266





Come costruire un tavolo di legno e resina

Come costruire un tavolo di legno e resina


In questa procedure vedremo passo dopo passo l’applicazione più famose che mette insieme un materiale innovativo (resina epossidica) ed uno tradizionale (Legno). Questa applicazione permette la creazione di manufatti veramente incredibili e potenzialmente può essere fatta con qualsiasi materiale (tessuti, tappi , metallo, ecc)


tavolo


1) Una volta scelto il legno che più ci piace (con uno spessore si 2-3cm), scartavetrarlo con carta abrasiva . Più è fina la grana ( 300-400) e più la superficie risulterà “chiusa”, riducendo l’assorbimento della resina e quindi preservando maggiormente il colore naturale del legno. Se invece si una grana “grossa” (60-80) il tono del legno sarà più scudo (dipende dai gusti!)

2) Tagliare il pezzo in 4 parti (q comunque quanti pezzi volete) , dopodiché soffiatelo con aria compressa (se non disponibile una spazzola morbida). Per associarci di rimuovere polveri e segatura.

3) Lasciate il legno asciugare al sole (o nella stagione fredda vicino ad un termosifone) per 24 – 48h. Il legno deve evitare il contatto con l’acqua per minimo 24h;
4) ORA SIAMO PRONTI per cominciare!

tavolo


5) Create una cornice di legno (questa è la forma del tavolo) di altezza 3-4 cm. Questa cornice servirà solo come contenimento, poi verrà rimossa, quindi non perdeteci troppo tempo 😉

tavolo


5) Create una cornice di legno (questa è la forma del tavolo) di altezza 3-4 cm. Questa cornice servirà solo come contenimento, poi verrà rimossa, quindi non perdeteci troppo tempo 😉

6)  Prendete un comune foglio di nylon o polietilene da imballaggio e appoggiatelo all’interno della cornice facendo aderire il più possibile i bordi (la resina non si attacca sul polietilene, quindi sarà facile togliere il tavolo dallo stampo una volta indurito). Potere usare un nastro bi-Adesivo per aiutavi nell’impresa. La resina prenderà la forma del nylon quindi vale la pensa di essere precisi! Appoggiate il tutto su una superficie da lavoro perfettamente piana, assicurandovi che il nylon non abbia lacerazioni (nel caso metteteci un pezzo si scotch)

7) Provate a posizionare i pazzi di legno all’interno dello stampo nella maniera che più vi piace (potente includere anche alti oggetti, come pietre e pezzi di metallo)

8) Mescolate una quantità di resina (A +B) limitata (300g ad esempio) e con un pennello passatela con generosità su tutti i lati del legno. Poi giratele sul lato opposto (ovviamene usando dei guanti) e continuate a spennellare. Fate attenzione di impregnare perfettamente le parti più irregolari (come ad esempio la corteccia). Questa operazione serve a “sigillare” il legno evitando che quando lo immergerete nelle resina, rilasci bolle che rischiano di rimanere inglobate nella resina. Finita l’operazione appoggiate in pezzi resinati nello stampo nella loro posizione definitiva . Attendete fino all’indurimento (minimo 8 ore)

9) Preparate il resto delle resina, mescolatela attentamente in un grosso contenitore e lasciatela riposare (“sbollare”) per 10-15 min. Tavolo con resina epossidica

9) Colate uniformemente la resina fino al livello che desiderate. Munitevi di un phon (o meglio phon industriale) da puntare sulle bolle superficiale per farle scoppiare. In 24 ore il tavolo è pronto per essere tolto dallo stampo!

Tavolo con resina epossidica

Tavolo con resina epossidica

Consumi di resina. Se il tavolo fosse di resina pure (60x60x4) sarebbero stati necessari oltre 10 kg di resina. Ma visto che la metà del volume è occupato dal legno ne sono serviti solo 6 kg.

Note
Il nylon è la soluzione più economica ma da una superficie più irregolare. Per squadrare perfettamente il tavolo potrete usare cartavetra (o seghetto). Una volta abrase la parti irregolari, la superficie sarà opaca, ma niente paura! Basterà applicare con un pennello un fine strato di resina per farla tornare trasparente!
Se invece decidete di volere “la perfezione” dovrete acquistare una vasca di plexiglass come contenitore. In questo modo il tavolo uscirà già perfetto a farete molto più velocemente.


Tavolo con resina epossidica

Questo era il primo tavolo  e da principalmente penso sia venuto abbastanza bene (ditemi voi!), quindi penso sia fattibile per tutti, purché si faccia bene attenzione alla preparazione dello stampo ed avendo tutti gli strumenti a disposizione).

A breve ne preparerò un altro!

Buon lavoro!

Copyright © ResinPro Srl. È vietata la riproduzione (totale o parziale) dell’opera con qualsiasi mezzo effettuata e la sua messa a disposizione di terzi, sia in forma gratuita sia a pagamento.

 

Scopri la nostra linea di prodotti per tavoli e rivestimento lucido!

RESINA EPOSSIDICA - F.A.Q.

Nel nostro shop online mettiamo a disposizione una gamma selezionata di prodotti in resina epossidica di ottima qualità, ideali per ogni tipo di progetto artistico, come la creazione di tavoli raffinati, gioielli esclusivi e magnifici quadri in resina.

Per guidarti attraverso il mondo intrigante e complesso della resina epossidica, abbiamo creato una sezione di F.A.Q. dettagliata, sviluppata per chiarire qualsiasi dubbio tu possa avere.

La resina epossidica è un composto polimerico noto per la sua resistenza e versatilità. Grazie alla sua capacità di indurirsi a temperature ambiente, diventa una scelta ideale per numerosi progetti, spaziando dall’artigianato alla costruzione industriale.  
La resina epossidica può essere utilizzata per creare una vasta gamma di oggetti, come ad esempio gioielli, vasi, oggetti d’arredo, quadri, portachiavi e molto altro ancora. Grazie alla sua trasparenza, la resina epossidica è particolarmente indicata per la creazione di oggetti luminosi e tridimensionali.
La resina si può applicare su qualsiasi materiale. Nei materiali come il silicone, possiamo effettuare la colata senza nessuna ulteriore procedura, in quanto il silicone è uno dei pochi materiali (assieme al Plexiglass e composti di polietilene) che non si attacca alla resina.  
In condizioni ideali, la resina epossidica inizia a indurire in circa 24 ore, ma il processo completo di asciugatura può richiedere da 24 a 72 ore. Questo tempo può variare a seconda del volume della resina e della superficie di applicazione
La resina epossidica è impiegata in una varietà di ambienti e settori, grazie alla sua forte adesione e resistenza alle condizioni ambientali estreme. Ecco alcune delle sue principali applicazioni:
I coloranti in pasta sono una scelta popolare per colorare la resina epossidica. Sono disponibili in una vasta gamma di tonalità, offrendo un’elevata concentrazione di pigmento. Questa opzione consente di ottenere colori intensi e vibranti.
La resina epossidica è rinomata per la sua eccezionale durezza e resistenza, ciò la rende ideale per una moltitudine di applicazioni, dall’artigianato all’industria. Ad esempio i pavimenti in resina epossidica offrono un’elevata resistenza all’usura, alla corrosione, all’abrasione senza subire alcun tipo di danno.  
La scelta della migliore resina epossidica dipende dal tuo progetto specifico, dalle proprietà richieste e dalla tua esperienza nel lavorare con questi materiali. Considera tutti questi fattori per selezionare il prodotto che meglio soddisfa le tue esigenze.    
Accelerare il processo di indurimento della resina epossidica può essere cruciale per progetti con tempistiche strette. Esistono diverse tecniche per raggiungere risultati efficaci in minor tempo.  
La resina epossidica è un materiale polimerico che offre eccezionali benefici in termini di resistenza, durabilità e estetica, rendendola ideale per una vasta gamma di applicazioni.  
La resina epossidica è nota per la sua eccezionale resistenza e durabilità, rendendola ideale per molteplici applicazioni in diversi settori.  

Dai un'occhiata alle nostre MASTERCLASS e diventa un esperto