I CONSIGLI DEGLI ESPERTI

Come riparare oggetti di vetro scheggiati con la resina epossidica trasparente

Come riparare oggetti di vetro scheggiati con la resina epossidica trasparente

 “Quando i Giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano la crepa”

Tecnica giapponese del Kintsugi

Nel corso di queste settimane abbiamo potuto vedere come la resina epossidica trasparente sia adatta per essere lavorata con diversi oggetti, forme e materiali. Tra questi ultimi il vetro è certamente uno dei più interessanti ma allo stesso tempo molto delicato. Vi sarà capitato di rompere o scheggiare un vaso, un bicchiere, un posacenere in vetro e doverlo buttare con dispiacere. Ovviamente se l’oggetto si riduce in mille pezzi c’è poco da fare, ma esistono diverse soluzioni nel caso si possa riparare con creatività, grazie alla resina trasparente epossidica. Non tutti i mali vengono per nuocere dunque!

Come riparare oggetti di vetro scheggiati con la resina epossidica trasparenteFacciamo un esempio pratico e veloce con la Resina epossidica trasparente, pigmenti colorati e un piccolo vaso scheggiato:

  • Mettere da parte uno stuzzicadenti per rimuovere la resina in eccesso a fine lavoro;
  • Mischiare qualche goccia di resina epossidica con i pigmenti colorati scelti;
  • Prendere il vaso nelle due parti da riparare, applicare qualche gocce di resina sul bordo ed unirli facendoli combaciare;
  • Attendere i tempi di asciugatura che dipendono da quanta resina si utilizza e dalle dimensioni dell’oggetto.

Ricordiamo che sulla base della resina che si intende usare bisogna essere più o meno veloci e precisi nell’esecuzione perché una volta indurita non si può più rimodellare. Trattandosi di piccoli interventi di riparazione possiamo anche decidere di usare una resina epossidica che si asciughi più rapidamente senza farci prendere dall’ansia come ICreation.

Come riparare oggetti di vetro scheggiati con la resina epossidica trasparentePer sicurezza consigliamo ai nostri utenti di utilizzare con attenzione questa tecnica sia a inizio lavoro, essendo il vetro un materiale tagliente, sia alla fine evitando di utilizzare gli oggetti per bere e mangiare. I prodotti utilizzati non sono tossici una volta asciutti ma bisogna essere certi che il lavoro manuale venga eseguito alla perfezione senza rimanenze di schegge.

Colorare la credenza di bicchieri rotti, riparare un vaso in vetro o una brocca d’acqua sarà un divertimento!